Musicoterapia in acqua

 

Di Assoc. Anni Verde
Nell’anno 2001-2 la Scuola di formazione in musicoterapia Glass Harmonica, presso l’Associazione Anni Verdi di Roma, ha attivato un gruppo di studio e ricerca sulla musicoterapia in acqua con pazienti psichiatrici della comunità psico – riabilitativa “Helios” di Roma. Il gruppo di lavoro è composto di due operatori della comunità “Helios” e da alcuni tirocinanti della Scuola, sotto la supervisione della dottoressa E. D’Ulisse.
L’intervento è orientato, in accordo con il modello Benenzon, a instaurare una relazione terapeutica stabile tra pazienti e musicoterapisti nel contesto non-verbale. La scelta della piscina come setting musicoterapico è nata dal desiderio di approfondire alcuni studi ed esperienze compiuti dal professor Benenzon in Argentina. Da tali esperienze emerge come l’elemento acqua sia un mezzo che, rievocando le condizioni di vita intrauterina, favorisce la regressione del paziente, l’espressione di vissuti importanti e il realizzarsi di condizioni propizie all’instaurarsi di una relazione terapeutica.
Grazie alla modificazione della forza gravitazionale, l’acqua permette una percezione diversa del proprio corpo, una diversa qualità di movimento, e costituisce un potente mezzo integratore, attivando e sensibilizzando i recettori alla comunicazione. l’uso della voce e di strumenti non convenzionali, assieme ai corpi in movimento nell’acqua, permette l’apertura di nuovi canali comunicativi. Riguardo all’uso dell’elemento acqua quale mezzo fisico di propagazione del suono, si può dire che questo ambiente risponde perfettamente alle esigenze della musicoterapia, in quanto il paziente, oltre ad essere immerso nelle onde sonore prodotte dal proprio corpo, usufruisce delle vibrazioni dell’acqua stessa, dovute al moto di “andata e ritorno” delle sue molecole.
Il primo ciclo di sedute è ora in fase di conclusione, dopo circa dieci mesi di attività continuativa con cadenza settimanale. Il lavoro riprenderà nell’autunno 2002, con la formazione di un nuovo gruppo terapeutico.

 

 

Commenti chiusi